Seleziona una pagina
How to play with eyeliner (+ sondaggio)

How to play with eyeliner (+ sondaggio)

Buon venerdì a tutti!

Come il titolo suggerisce, parliamo di eyeliner! Niente teorie noiose su come applicarlo nel modo corretto, anche perché l’argomento non può essere riassunto in un’unica soluzione dato che la questione è prettamente soggettiva e legata alle varie tipologie di occhio.
Per molte è una cosa semplicissima mentre per altre applicarlo rimane un incubo!
Se siete tra queste ultime, non sentitevi incapaci, magari avete un taglio particolare che richiede delle accortezze, vi do solo un consiglio: fate tantissima pratica, vi aiuterà a prendere confidenza con la forma del vostro occhio e ad acquisire manualità. Vi invito inoltre a provare vari tipi di applicatori perché possono fare la differenza!

Passiamo alla parte più divertente, ecco qualche idea per giocare con l’eyeliner!

DAILY
Il più semplice, quello da portare tutti i giorni!
Linee pulite e sottili con la “codina” appena allungata, dà una discreta intensità allo sguardo. Un velo di mascara e sarete pronte per uscire.

ARABIC LINE
Molto d’impatto, dà una forte definizione allo sguardo. Questo tipo di eyeliner delinea solitamente l’intero perimetro dell’occhio allungandolo sia nell’angolo interno che in quello esterno.

La mia è una versione molto più soft, infatti ho volutamente evitato di contornare la rima inferiore per una questione di gradimento in base alle mie caratteristiche.
Vi raccomando, se avete gli occhi troppo vicini, evitatelo!

DOUBLE LINE
C’è poco da descrivere!
Doppia linea di eyeliner per potersi divertire con i colori.

DRAMATIC
Per chi non vuole passare inosservato!
Le linee sono spesse e imponenti, la coda all’angolo esterno è estrema e tende verso l’alto regalando uno sguardo intenso e “felino”. Perfetto per la sera combinato con delle ciglia finte.

GRAPHIC
Se come me ami l’originalità e non hai paura di osare, dovresti provarlo!
Richiede una grande dose di manualità perché le linee devono essere più precise, simmetriche e pulite possibili, ma l’effetto “wow” è garantito!

TRENDY
Ha spopolato negli ultimi anni ed è tutt’ora in voga.
Personalmente mi diverte tantissimo indossare questo look che nonostante sia semplice da realizzare, cattura l’attenzione! Prevede una classica riga di eyeliner accompagnata da piccoli dettagli. In questo caso ci sono due “dots” verticali sotto l’occhio ma potete farne uno solo o giocare con strass e geometrie diverse. Insomma, fate largo alla fantasia!

Al solito vi lascio –> qui <- il sondaggio. Buon week-end e alla prossima!

Washington prepares for Donald Trump’s big moment

Washington prepares for Donald Trump’s big moment

Intro text we refine our methods of responsive web design, we’ve increasingly focused on measure and its relationship to how people read.

A wonderful serenity has taken possession of my entire soul, like these sweet mornings of spring which I enjoy with my whole heart. Even the all-powerful Pointing has no control about the blind texts it is an almost unorthographic life One day however a small line of blind text by the name of Lorem Ipsum decided to leave for the far World of Grammar. The Big Oxmox advised her not to do so, because there were thousands of bad Commas, wild Question Marks and devious Semikoli, but the Little Blind Text didn’t listen.

On the topic of alignment, it should be noted that users can choose from the options of None, Left, Right, and Center. In addition, they also get the options of Thumbnail, Medium, Large & Fullsize.

And if she hasn’t been rewritten, then they are still using her. Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts. Separated they live in Bookmarksgrove right at the coast of the Semantics, a large language ocean. A small river named Duden flows by their place and supplies it with the necessary regelialia.

A wonderful serenity has taken possession of my entire soul

On her way she met a copy. The copy warned the Little Blind Text, that where it came from it would have been rewritten a thousand times and everything that was left from its origin would be the word “and” and the Little Blind Text should turn around and return to its own, safe country.A wonderful serenity has taken possession of my entire soul, like these sweet mornings of spring which I enjoy with my whole heart. I am alone, and feel the charm of existence in this spot, which was created for the bliss of souls like mine. I am so happy, my dear friend, so absorbed in the exquisite sense of mere tranquil existence, that I neglect my talents.

But nothing the copy said could convince her and so it didn’t take long until a few insidious Copy Writers ambushed her, made her drunk with Longe and Parole and dragged her into their agency, where they abused her for their projects again and again.

Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts. Separated they live in Bookmarksgrove right at the coast of the Semantics, a large language ocean. A small river named Duden flows by their place and supplies it with the necessary regelialia. It is a paradisematic country, in which roasted parts of sentences fly into your mouth.

What to do in Uluwatu Bali

Walk down the Uluwatu beach

A collection of textile samples lay spread out on the table – Samsa was a travelling salesman – and above it there hung a picture that he had recently cut out of an illustrated magazine and housed in a nice, gilded frame. It showed a lady fitted out with a fur hat and fur boa who sat upright, raising a heavy fur muff that covered the whole of her lower arm towards the viewer.

Gregor then turned to look out the window at the dull weather. Drops of rain could be heard hitting the pane, which made him feel quite sad. “How about if I sleep a little bit longer and forget all this nonsense”, he thought, but that was something he was unable to do because he was used to sleeping on his right, and in his present state couldn’t get into that position. However hard he threw himself onto his right, he always rolled back to where he was.

One morning, when Gregor Samsa woke from troubled dreams, he found himself transformed in his bed into a horrible vermin. He lay on his armour-like back, and if he lifted his head a little he could see his brown belly, slightly domed and divided by arches into stiff sections. The bedding was hardly able to cover it and seemed ready to slide off any moment. His many legs, pitifully thin compared with the size of the rest of him, waved about helplessly as he looked. “What’s happened to me? ” he thought. It wasn’t a dream.

His room, a proper human room although a little too small, lay peacefully between its four familiar walls. A collection of textile samples lay spread out on the table – Samsa was a travelling salesman – and above it there hung a picture that he had recently cut out of an illustrated magazine and housed in a nice, gilded frame.

Hidden beach paradise that Balinese would never tell you

Before you get started, please be sure to always search this Documentation, and also watch our Video Tutorials. If you have further questions beyond the scope of this Documentation, please don’t hesitate to contact us. We’ll do our very best to reply as promptly as possible.

Lonely girl waiting for a loved one on the beach

It is a paradisematic country, in which roasted parts of sentences fly into your mouth. One morning, when Gregor Samsa woke from troubled dreams, he found himself transformed in his bed into a horrible vermin. He lay on his armour-like back, and if he lifted his head a little he could see his brown belly, slightly domed and divided by arches into stiff sections. The bedding was hardly able to cover it and seemed ready to slide off any moment.

It showed a lady fitted out with a fur hat and fur boa who sat upright, raising a heavy fur muff that covered the whole of her lower arm towards the viewer. Gregor then turned to look out the window at the dull weather. Drops of rain could be heard hitting the pane, which made him feel quite sad.

Red lips: quattro look

Red lips: quattro look

Il classico dei classici, un evergreen e must have, è lui: il rossetto rosso!
Che si tratti di labbra laccate o matte, toni caldi o freddi, rimane il colore più indossato dalle donne di ogni età. Ho pensato di proporlo in quattro varianti sebbene tutti i look neutri perché è difficile rubargli la scena, lui rimane il protagonista indiscusso.

Prima di andare al dunque mi prendo la libertà di darvi un consiglio spassionato: non c’è cosa peggiore che portare un rossetto senza aver curato il resto del viso! Per quanto possiate avere una pelle perfetta e zero difetti il risultato sarà comunque poco gradevole e incompleto, quindi, se non amate truccarvi tanto abbiate l’accortezza di utilizzare almeno una leggera base colorata, vi assicuro che il risultato sarà molto più armonioso!

Essenziale

In relazione a quanto detto poco fa, ecco un look minimal incentrato quasi completamente sulle labbra. Sugli occhi giusto un po’ di chiaroscuro con un ombretto matte color tortora e tanto mascara. Io ho anche utilizzato dei ciuffetti di ciglia finte per rendere lo sguardo un po’ più interessante (ma sono del tutto facoltative).

Retrò

Come non lasciarsi catturare dall’intramontabile fascino di questo makeup?!
Probabilmente è una delle combinazioni più viste sia sui red carpet che nel quotidiano.
Lo sguardo è incorniciato da una decisa riga di eyeliner accompagnata da una buona dose di mascara sulle ciglia, quindi vi raccomando siate generose!
Per una serata/occasione importante potete optare per delle ciglia finte infoltite all’esterno. Look sofisticato e sguardo magnetico assicurato!

Audace

C’è poco, parlando di makeup, che sia più sensuale di uno smokey eyes e non c’è niente di più sensuale di uno smokey eyes abbinato a labbra rosse! Uno sfumato di diverse tonalità di marroni, rigorosamente matte, danno vita a uno sguardo intenso e seducente! Ho aggiunto in seguito un punto luce glitterato nell’angolo interno dell’occhio, immaginando possa diventare un’ottima proposta look per le feste natalizie che si avvicinano! Ma se siete “coraggiose” non aspettate certo il Natale per indossarlo!!!

Protagonista

Un trucco decisamente poco usuale ma che mi andava di azzardare!
Ero indecisa se proporre un accostamento labbra rosse-occhi colorati ma ho poi pensato di giocare con lo stesso colore e tentare un total look in rosso. L’effetto non mi dispiace affatto, anzi, più una cosa è originale più la trovo interessante! La foto parla da sé, non aggiungo altro!

Quale dei quattro look vi rispecchia? Vi lascio -> qui <- il sondaggio!

How to style: maglietta bianca pt.2 + sondaggio

How to style: maglietta bianca pt.2 + sondaggio

Rieccomi con la seconda parte della rubrica “how to style”.
Nel caso in cui vi foste persi il primo post, cliccate -> qui <-

Premessa: mi rendo conto che uno dei look che vi sto per proporre è decisamente fuori stagione ma avendo avuto problemi con la pubblicazione del post, la cosa si è protratta fino adesso.

Come nel post precedente vedrete altri tre modi differenti di abbinare/indossare una semplicissima maglietta bianca.

Il primo è un look prettamente estivo; il tris di colori bianco, blu e rosso, i tessuti rigati, dettagli dorati e in corda sono tutto quello che non può mancare quando si parla di stile navy.

E’ un outfit fresco e comodo. Nonostante lo shorts fosse “super high waist” ho intenzionalmente coperto questa particolarità con la cintura per creare un punto di interesse dato che sia il pantaloncino che la t-shirt sono completamente basici e sarebbero risultati monotoni.

Ai piedi indosso un sandaletto bicolore allacciato alla caviglia che richiama sia il colore della cintura che il motivo degli orecchini a bottone. Ho voluto mantere neutro il colore della borsa quindi mi sono orientata su questa maxi pochette in paglia. Il giubbotto di jeans è un extra, non fondamentale ma un mio tocco personale.

 

Com’è ben chiaro, questo secondo outfit non ha uno stile definito ed è un pò stravagante.

Ho combinato elementi più eleganti come la gonna con pezzi “rock/rock chic” quali giubbino e maxi busta in similpelle e i tronchetti glitterati. Il punto forte, magari per molte azzardato, è il chandelier choker (la maxi collana candelabro per intenderci!) che preso singolarmente è molto impegnativo e raffinato ma si amalgama bene all’interno del look senza sopraffare il resto.

 

Last but not least vi propongo un look che ho visto indossare da alcune celebrities (Kim Kardashian West e Victoria Beckham tanto per citarne qualcuna) e ho voluto rivisitare.

Per quanto mi riguarda, adoro mixare capi sportivi ed eleganti: in questo caso indosso un paio di pantaloni cargo verde khaki e un blazer avvitato nero. Totalmente da sera la clutch in vernice con dettaglio color oro. Immancabili i tacchi; la mia scelta è ricaduta su un sandalo “pitonato” stringato dal colore neutro. A completare il look una collana a cascata, dorata, niente di prezioso ma vi assicuro che fa la sua scena.

 

Visto che i sondaggi stanno spopolando sui social, ho deciso di rendere questo post interattivo.

Cliccando –>QUI <–  verrete indirizzati in una pagina in cui potrete votare il o i vostri look preferiti!

Lo trovo un modo carino per coinvolgervi. Non siate timidi, il voto è anonimo quindi non avete scuse! 🙂

Ricordate di cliccare “invia” dopo aver votato!

 

Buon fine settimana a tutti!

 

How to style: maglietta bianca

How to style: maglietta bianca

Buon venerdì a tutti!

Ho voluto inaugurare l’autunno con un nuovo post che spero possa diventare, anche e soprattutto col vostro aiuto, un appuntamento fisso!

Anche se ho intitolato la rubrica “how to style”, non ho la presunzione di dettare legge in campo di moda (anche perché a mio avviso è un mondo pieno di eccezioni!). Si tratta esclusivamente del mio modo personale di indossare i capi con l’intento di poter ispirare!

Cercherò inizialmente di soffermarmi su capi basici che tutti possono avere nell’armadio! Non a caso inizio con una t-shirt  bianca! Essendo appunto un indumento base, privo di texture, fantasie e senza tinta, ci permette di spaziare tantissimo con gli altri capi con cui la abbiniamo, quindi, sbizzarritevi col resto e puntate su accessori particolari per darle vita!

Questo primo look ha un po’ di grunge, vedi gli shorts sdruciti e gli anfibi! Ma ciò che predomina è sicuramente questo vecchio blazer color tabacco che rafforza il concetto di “aspetto vissuto”. Ho scelto tutti accessori vintage o che stessero bene cromaticamente.

Passiamo ora al secondo look che definirei “Street style”. Qui ho giocato con toni freddi e molto molto chiari che non contrastano il bianco ma lo aiutano ad esaltarne la sua luminosità. È un look da giorno in cui le sneakers in raso color cipria sdrammatizzano la minigonna di paillettes. Il ruolo fondamentale è svolto dal blazer chiaro che di primo acchito potrebbe passare in secondo piano ma se ci fate caso senza lui il look non avrebbe così tanto carattere! Accessori neri e ovviamente silver!

Passiamo terzo e ultimo (per ora) outfit che è molto attuale grazie alla gonna midi plissettata dal tessuto lamè accostata alla T bianca. Dato che la gonna è protagonista, lascio il resto più pulito possibile: ai piedi sneakers bianche, maxi busta nera in similpelle e orecchini geometrici per bilanciare la parte superiore.

Ci sono tantissime combinazioni da poter fare con i capi basic, se siete interessate e curiose ci sarà una seconda parte prossimamente. Se avete domande, proposte o perché no consigli da darmi, lasciate un commento o scrivetemi in privato (trovate i miei indirizzi nella sezione Chi siamo -> crew). Vi auguro un buon inizio/fine settimana!

FROM DAY TO NIGHT: Outfit + Make-up

FROM DAY TO NIGHT: Outfit + Make-up

Ciao a tutti!
Questo nuovo post/rubrica fa al caso di tutte le ragazze che corrono contro il tempo ma può essere altrettanto utile alle ritardatarie! Non ditemi che non rientrate in nessuna delle categorie quindi proseguite la lettura!

A volte capita di avere una giornata piena e dover stare fuori tutto il giorno senza poter rientrare a casa per un cambio look oppure siete in estremo ritardo e siete costrette a tenere su gli stessi capi, vediamo allora come cambiando solo gli accessori riusciremo ad adattare un look prettamente da giorno facendolo diventare adeguato anche ad un’uscita serale!
E se vi avanza qualche minuto non dimenticate di intensificare il make-up perché davvero può fare la differenza!

Ecco il mio from day… to night al completo!

Partiamo dall’outfit: ho indossato un ripped jeans chiaro e aderente con un top peplo in tessuto scuba e scollo a cuore, molto particolare per struttura ma il colore brillante lo sdrammatizza e lo rende più versatile! Per il giorno ho optato per un comodo paio di sneakers bianche (le mie sono provviste di frange) e una maxi bag bicolor.

Per la sera ho sostituito le scarpe con dei sandali beige col tacco, allacciati alla caviglia e la borsa grande con una maxi busta negli stessi toni neutri, decisamente più adatta alla sera! Se non avete il tempo di rincasare potete portarvi tutto dietro e fare il cambio in macchina in tutta tranquillità! 


 

Avendo tempo sufficiente ho raccolto i capelli in una coda e modificato il trucco! Per il giorno mi sono occupata quasi esclusivamente della base aggiungendo poi un po’ di mascara, mentre per la sera, solitamente quando non ho tempo mi concentro sulle labbra mettendo su un rossetto importante che fa da protagonista ma in questo caso essendo il top di un colore eccentrico ho preferito, anche se richiede più tempo, puntare sugli occhi! Verde lime per la rima interna a richiamare il top mentre ombretto marrone matte per dare definizione agli occhi! Ciglia finte e un rossetto nude a completare il tutto! Vi lascio al video e alla prossima!