Seleziona una pagina

È una bella dimostrazione di forza quella messa in atto dalla US Palmese ieri pomeriggio contro la Turris Neapolis di Torre del Greco. La squadra di Mario Dal Torrione non scivola sulla pioggiavenuta giù copiosa sul campo sportivo Giuseppe Lopresti e si porta a casa l’ennesima vittoria casalinga, che la proietta, ormai con discreto margine sulle inseguitrici, in piena zona Play Off. Considerando i 3 punti che verranno assegnati a tavolino alla Palmese la prossima domenica, la quota è di 55, gli stessi dell’Igea Virtus che sarà impegnata in trasferta sul campo del Gragnano. Un distacco sufficientemente rassicurante anche dal Gela, attualmente a quota 47 e con in programma l’ostica sfida sul proprio campo contro la Cavese.

In campo, sin dai primi minuti la Palmese fa capire chiaramente che l’obiettivo è la vittoria. Dal Torriore deve fare a meno degli squalificati Dorato e Lavilla, al loro posto Ortolini e Lugliese. È proprio Raffaele Ortolini a sbloccare l’incontro con un bel gol al volo su cross da calcio piazzato del solito ispirato Totò Crucitti. La Palmese costruisce una mole di gioco impressionante, dimostrandosi costantemente pericolosa e creando occasioni su occasioni, andando tuttavia a sbattere sull’ottimo portiere della Turris, il giovane classe 1998 Aba
gnale
, più volte miracoloso sui tentativi dei NeroverdiSpettacolari l’intervento su tiro defilato di Crucitti ed il calcio di punizione graffiato via dall’incrocio sul calcio di punizione dello stesso numero 8 Neroverde, che era già pronto ad esultare. Proprio grazie a lui la Turris riesce a restare a galla ed
a colpire con la prima vera occasione creata. 
Varriale è bravo a sfruttare il cross basso dalla sinistra e battere un incolpevole Pellegrino. Sorvolando sull’errore arbitrale (Gol e Rigore negati in un’azione regolare), anche in sede di conferenza stampa, la Palmese continua a giocare sotto l’acqua che si riversa sul Lopresti e torna in vantaggio ancora una volta con Ortolini. Ad arrotondare i conti ci pensa ancora lo stesso Ortolini, che chiude il match con un meritatissimo 3 – 1 in favore della Palmese.

Molto bene Mister Mario Dal Torrione, meglio di così non si poteva proprio giocare. La squadra porta la sua firma, lo si è visto in precedenza e lo si continua a vedere. Il lavoro, i metodi e la filosofia di gioco del mister gioiese sono stati perfettamente assimilati, il risultato è sotto gli occhi di tutti.

A fine gara applausi per tutta la squadra, in riconoscimento della bellissima partita disputata nonostante le condizioni non ottimali. Particolarmente positiva la prestazione del trio di centrocampo Corso – Crucitti – Lavrendi e di Paolo Pellegrino, sempre più sicurezza tra i pali ed autore anche lui di interventi provvidenzialiInfine, applausi a scena aperta soprattutto per il mattatore di giornata: Raffaele Ortolini, che dopo una prestazione spettacolare a tutto campo e dopo aver dimostrato di avere anche dei gran colpi nelle corde, firmando una bellissima tripletta si porta a casa il pallone dell’incontro. Unica pecca del centravanti Neroverde contro la Turris? Forse l’essersi innamorato eccessivamente della sfera ed aver peccato di egoismo in qualche occasione, tentando giocate fuori dal normale. Ma parliamoci chiaro, in una giornata come quella di ieri, chi non l’avrebbe fatto? Noi che tanto ci riempiamo la bocca e che siamo abituati a giocare in cinque contro cinque in sfide tra panzoni probabilmente, anzi spesso, facciamo anche di peggio. Ancora tanti complimenti a Raffaele Ortolinimigliore in campo.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: