Seleziona una pagina

Sembra che la decisione definitiva sia stata presa. Di parcheggio si parlava ed un parcheggio la piazza è diventata. Non molto tempo fa il 105Group aveva lanciato il suo sondaggio, per conoscere ciò che i Palmesi avrebbero preferito vedere nella piazza principale del centro città. Il dato emerso era inequivocabile. La maggioranza assoluta dei cittadini che hanno partecipato al sondaggio ha espresso la sua preferenza per un’area in cui il parcheggio fosse vietato. Questi si sono divisi tra chi voleva una piazza interdetta al parcheggio ma dove fosse consentito il transito delle auto e chi invece avrebbe preferito un’isola pedonale interdetta al traffico.
Questi i dati raccolti dal sondaggio:

  • Il 43% dei votanti si è schierato a favore del divieto di sosta con transito consentito;
  • il 35% ha invece espresso preferenza per l’isola pedonale;
  • il 20% ha votato per il classico parcheggio all’interno del quadrante, soluzione precedente i lavori;
  • il 3% ha invece espresso gradimento per il parcheggio a bordo quadrante, la soluzione provvisoria adottata fino a poco tempo fa.

Questo è il risultato ottenuto proponendo all’utente 4 opzioni di scelta. Se, invece, avessimo posto il quesito con un Sì o No, come in un classico sistema binario, dividendo i favorevoli al divieto di sosta dagli “aficionados” del parcheggio in piazza allora il dato sarebbe ancora più eloquente. In quel caso la percentuale dei sostenitori della piazza libera sarebbe al 78%, contro il modesto 23% di chi in piazza ci vuole poter lasciare la macchina. Come abbiamo visto, la decisione è stata presa e sul rinnovato suolo di piazza primo maggio sono comparse le strisce che regolamentano la sosta: Via alle danze. Un turbinio di opinioni differenti si è scatenato sui social network e nei luoghi reali. Come in ogni altra situazione, c’è chi la vuole cotta e chi la vuole cruda, con la sottile differenza delineata dal fatto che, in questo caso, uno dei due partiti è in netta maggioranza rispetto all’altro. Al di là del giusto o sbagliato, sembra che una parte della cittadinanza non sia ancora rassegnata a vedere il principale luogo di ritrovo della città invaso dalle macchine ed ha promosso una serie di raccolta firme per far si che Piazza Primo Maggio sia inibita alla sosta.

Oltre a ciò, probabilmente sarebbe opportuno cercare di trovare una soluzione efficace all’ormai celebre problema parcheggi della Città di Palmi, individuando una valida alternativa all’attuale luogo di sosta del centro storico, che possa fornire asilo a quelle poche ma buone autovetture che trovano oggi riposo in Piazza Primo Maggio.

Comments

comments